Skip to Content

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Stile pagina

Current Style: Standard

logo bandiera lilla

bandiera-lilla_header.jpg

Logo bandiera blu

bandiera_blu.gif

Logo AICC

aicc.gif

Logo RINA

RINA_ISO-14001_col.jpg

Albisola e tutta la provincia di Savona in zona rossa sino all'11 aprile: tutte le informazioni

Versione stampabileVersione stampabileVersione PDFVersione PDF

 zona rossa

Dalle 00.00 di venerdì 2 aprile, alle 24.00 di domenica 11 aprile le province di Savona e Imperia sono in zona rossa. La decisione è stata assunta alla luce degli ultimi dati comunicati da Alisa sull’andamento della pandemia e d’intesa con i Sindaci e Anci Liguria.

 

LE REGOLE IN VIGORE


- Coprifuoco dalle 22.00 alle 5.00.

 

VIETATI

Tutti gli spostamenti tranne che per comprovate esigenze lavorative, necessità, motivi di salute.

Gli spostamenti verso le seconde case fino all'11 aprile.

 

CHIUSI

Bar e ristoranti: consentiti l'asporto fino alle ore 22.00 e le consegne a domicilio senza restrizioni.

Negozi e gli altri esercizi di commercio al dettaglio che vendono prodotti diversi da quelli alimentari o di prima necessità.


Per maggiori dettagli consultare l’Ordinanza della Regione Liguria n. 14 del 01/04/2021 in allegato.

 

Si ricorda:

  • In zona rossa divieto di uscire di casa eccetto per comprovati motivi di lavoro, salute o necessità e per fare rientro nella propria residenza, domicilio o abitazione;
     
  • Divieto di assembramento lungo le vie cittadine, nelle piazze, sul lungomare, nei parchi e giardini pubblici, sui sentieri e ovunque non vi sia la motivazione per sostare ( in tal caso sempre nel rispetto del distanziamento interpersonale di 2 metri);
     
  • l'obbligo di indossare la mascherina (dispositivi di protezione delle vie respiratorie come citato dal DPCM del 2 Marzo 2021) anche negli spazi all'aperto eccetto quando sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi, oltre che in tutti i luoghi pubblici o privati al chiuso; le disposizioni non si applicano alle persone che stanno svolgendo attività sportiva, ai minori di 6 anni d’età e ai soggetti con patologie e che non tollerino l'utilizzo delle mascherine a causa di particolari condizioni psicofisiche attestate da certificazione medica;
     
  • l'obbligo ai titolari e gestori delle attività commerciali o dei luoghi aperti al pubblico di:
    inibire l'accesso alle persone non dotate di tali dispositivi e di esporre all'esterno del locale un avviso con l'obbligo dell'uso delle mascherine e, ove ci sia la disponibilità, è consigliato l'utilizzo dei guanti;
    esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo.

Restano aperte in zona rossa le attività rientranti nelle categorie espressamente previste nell'ALLEGATO 23 del DPCM vigente (disponibile neglio allegati a fondo pagina).

 

PRECISAZIONE IN MERITO ALL'ATTIVITA' MOTORIA E SPORTIVA:

  • L’attività sportiva dilettantistica è svolta all’interno di una cornice organizzata e riconosciuta da enti sportivi (Federazioni sportive nazionali, Enti di promozione sportiva e Discipline sportive associate) mediante
    tesseramento ad una ASD/SSD.
    MENTRE
  • l’attività ludico-amatoriale è invece svolta in autonomia, in forma privata, generalmente senza tesseramento (es. partita di calcetto organizzata tra amici o colleghi) o, comunque, qualificata come amatoriale.
     

In zona rossa è consentito svolgere l'attività sportiva esclusivamente nell’ambito del territorio del proprio Comune, dalle 5.00 alle 22.00, in forma individuale e all'aperto, mantenendo la distanza interpersonale di
due metri. È tuttavia possibile, nello svolgimento di un’attività sportiva che comporti uno spostamento (per esempio la corsa o la bicicletta), entrare in un altro Comune, purché tale spostamento resti funzionale
unicamente all’attività sportiva stessa e la destinazione finale coincida con il Comune di partenza.
 

A proposito di bicicletta, il suo uso è consentito in zona rossa anche "per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi che vendono generi alimentari o di prima necessità". E pure, "per svolgere
attività motoria all'aperto nella prossimità di casa propria, mantenendo la distanza interpersonale di almeno un metro". Regole analoghe valgono per l'attività motoria senza bicicletta, che può essere svolta individualmente e vicino casa, ma con la mascherina. Le passeggiate sono ammesse, in quanto attività motoria, esclusivamente in prossimità della propria abitazione e, naturalmente, nel caso siano motivate per compiere gli altri spostamenti consentiti (andare al lavoro, motivi di salute o necessità).
 

In riferimento alle zone cd. arancioni e rosse, le presenti disposizioni possono essere oggetto di ulteriori limitazioni tramite provvedimenti di enti locali o altri organismi competenti. Pertanto, in questi casi si rimanda
alle disposizioni (ordinanze, ecc.) delle autorità competenti.

AllegatiDimensione
Ordinanza Regione Liguria n. 14 del 01/04/2021 (pdf)4.37 MB
Allegato 23 del vigente DPCM (pdf)1.55 MB