Skip to Content

Grandezza del testo

Current Size: 100%

Stile pagina

Current Style: Standard

logo bandiera lilla

bandiera-lilla_header.jpg

Logo bandiera blu

bandiera_blu.gif

Logo AICC

aicc.gif

Logo RINA

RINA_ISO-14001_col.jpg

Itinerario: Colle Castellaro - Santuario della Pace

Versione stampabileVersione stampabileVersione PDFVersione PDF

Itinerario: Colle Castellaro – Santuario della Pace

Tempo percorrenza: ore 2 circa
Dislivello: metri 200 circa
Segnavia: assente
__________________________________________


Il castello in epoca romana faceva parte di un sistema di fortilizi del marchesato aleramico.

Passato di proprietà prima al libero Comune di itinerarioSavona (1216) poi alla Repubblica di Genova (1251) venne presidiato fino al 1805 quando, con la venuta di Napoleone fu abbandonato e andò presto in sfacelo.

I ruderi si sviluppano per una lunghezza di 70 metri ed una larghezza di 24 metri con orientamento nord-sud. Dagli spalti il panorama è magnifico.

Si parte dalla piazza della chiesa di S. Nicolò e si imbocca via Emilia, fino a raggiungere, sulla destra, una scalinata e quindi un sentiero in salita che porta al Castellano (15 minuti circa).

Poco prima del Castellaro si incontra un bivio: imboccando il sentiero a destra si raggiungono in pochi minuti i ruderi dell’antico castello (panorama a 360°), seguendo, invece, il sentiero di sinistra si prosegue fra “fasce” coltivate ad uliveti.

Il sentiero sale fino a raggiungere “Pin du Ciulla”, una pineta di pino domestico, quali interamente distrutta dagli incendi negli anni scorsi. In leggera discesa si raggiunge “Pian Gaggin”.

Tra pinastri ed arbusti della macchia mediterranea si raggiunge una radura “prato dello specchio”.

Si imbocca il sentiero in salita e tenendo la destra si arriva allo spartiacque. In alto, di fronte a noi, si intravede la casa di “Banin”; proseguendo in direzione della casa, prima di raggiungerla, si pega ancora a destra.

Arrivati ad un vecchio ovile si percorre un sentiero che, in ripida discesa, ci conduce alla strada statale del Sassello.

Da qui è possibile tornare al punto di partenza a piedi, seguendo la statale, oppure utilizzare il mezzo pubblico che fa capolinea al Santuario della Pace.